Scritto da Robert Steinadler 3 mesi fa

Sovracollateralizzata: Come la stablecoin Djed di Cardanos sta rispondendo ai dubbi

Le Stablecoin sono state messe sotto osservazione dopo il crollo di Terra. Per la prima volta, gli investitori e le autorità di regolamentazione si sono chiesti quanta fiducia possiamo riporre in questi prodotti. Le ultime settimane hanno dimostrato che la maggior parte delle stablecoin sono effettivamente stabili e che società come Tether possono riscattare i clienti con dollari americani reali.

Cardano non vede l'ora di rilasciare la propria stablecoin in collaborazione con Coti. Che cos'è Djed e in che modo questa stablecoin può essere più resistente di altre?

Djed è una stablecoin algoritmica

Per ancorare il valore di Djed al dollaro USA, sono coinvolti altri due token. Il primo è ADA, la criptovaluta nativa della blockchain di Cardano. Ogni volta che un utente vuole coniare Djed deve inviare ADA al contratto intelligente. Se dovesse scegliere di riscattare Djed, il contratto intelligente restituirà ADA in base al valore in dollari corrente al momento del riscatto.

A differenza di altre stablecoin algoritmiche, il contratto intelligente Djed non brucerà o conierà ADA, ma accumulerà un pool di ADA. Il token Djed, invece, viene coniato quando vengono inviati ADA e bruciato quando Djed viene riscattato per ADA.

È possibile che si verifichi una situazione in cui il valore in dollari degli ADA raccolti sia inferiore al valore stabile in dollari dei token Djed in circolazione. Per questo motivo è previsto un secondo token chiamato Shen.

Lo Shen è una moneta di riserva che non è ancorata a un bene specifico e il suo prezzo è invece fluttuante. Il suo scopo è quello di coprire il tasso di collateralizzazione e la fluttuazione e di garantire la stabilità. Gli utenti coniano Shen con ADA, ma non sono autorizzati a riscattare Shen se il pool è al di sotto del coefficiente di riserva. Se il coefficiente di riserva rimane al massimo, il contratto intelligente non permette di coniare Shen.

In effetti, i detentori di Djed godono di una priorità nel riscattare ADA. In cambio della stabilità del pool, i detentori di Shen vengono ricompensati con ADA che vengono detratti dalle commissioni quando si coniano o si bruciano i token.

Allora perché il Djed dovrebbe essere più stabile?

L'idea è quella di sovracollateralizzare il Djed tra il 400% e l'800% con lo Shen come valuta di riserva del sistema. Ma poiché il crollo di Terra ha rivelato che le stablecoin algoritmiche comportano dei rischi, gli sviluppatori hanno inserito due meccanismi per sostenere il sistema. Quando il rapporto di riserva scende sotto il 400%, il sistema limita le azioni:

  • I possessori di Djed possono riscattare solo ADA, ma non possono coniare altri Djed.
  • I possessori di Shen non possono bruciare Shen, ma possono sostenere il rapporto di riserva bloccando ADA e coniando Shen.

In cambio, se il rapporto è superiore all'800%, il conio di Shen sarà vietato e i possessori di Shen potranno riscattare i loro token solo in cambio di ADA.

Si ritiene che questo sistema si dimostrerà molto più robusto della soluzione presentata da Terra. Il suo approccio e la sua tecnologia sono infatti molto diversi. Ciò che è ancora più importante è che Cardano ha bisogno di una stablecoin decentralizzata per aiutare il suo ecosistema a prosperare. La rete di test pubblica è entrata in funzione il 4 maggio e sarà interessante vedere se Djed sarà resistente come promesso da Charles Hoskinson e Coti.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 70 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb