Scritto da Erik Weijers 4 mesi fa

Un altro tuffo: cosa sta succedendo?

Era un altro giro sulle montagne russe, il mercato delle criptovalute. O dovremmo dire: una discesa? Negli ultimi giorni, Bitcoin è sceso al minimo di 30.000. Ethereum e altri altcoin sono diminuiti di una percentuale simile o maggiore. Che succede? Elenchiamo alcune cause e riflettiamo su come metterlo in prospettiva.

Le azioni (previste) della Fed

In risposta all'elevata inflazione, la Banca Centrale degli Stati Uniti (la "Fed") è sotto pressione per aumentare i tassi di interesse. Anche se resta da vedere se quest'anno sono in arrivo ulteriori rialzi dei tassi di interesse - i livelli del debito societario e governativo sono troppo alti per sostenere troppi aumenti dei tassi di interesse - il mercato si aspetta aumenti. E questo non va mai bene per le azioni e le criptovalute. Inoltre, la Fed sta riducendo le sue pratiche di allentamento quantitativo (QE). Il QE è l'acquisto da parte della Fed di debito pubblico e societario, che utilizza per mantenere a galla i mercati durante periodi di crisi economica. All'alba di questa consapevolezza, i mercati azionari sono scesi ulteriormente ieri, dopo già giorni di calo dei prezzi. Nelle criptovalute, gli aumenti e i ribassi dei prezzi sono sempre più gravi, come abbiamo visto anche oggi.

La banca centrale russa vuole vietare le criptovalute

Il 20 gennaio, la Banca centrale russa ha pubblicato un rapporto in cui propone di rendere illegali gli scambi e le transazioni in criptovalute, proprio come il mining di Bitcoin. Gli individui sarebbero ancora autorizzati a possedere criptovalute, ma le istituzioni no. È risaputo che stati altamente centralizzati e autoritari come Cina e Russia hanno ancora più difficoltà con le criptovalute rispetto ai governi occidentali. In parte perché le criptovalute rendono più facile finanziare i dissidenti. Non sorprende che il rapporto russo abbia sollevato l'argomento secondo cui le criptovalute vengono utilizzate per attività illegali. Anche se a rigor di termini non è una nuova posizione che la Banca centrale russa sta prendendo qui, il rapporto ovviamente non è una buona notizia. Il mercato delle criptovalute non ha subito risposto con un calo dei prezzi, ma come abbiamo detto non ha aiutato.

C'era ancora molto carburante nei mercati a leva

Uno dei motivi per cui l'abbondanza di notizie non così buone rende vulnerabili i mercati delle criptovalute è che c'è molto trading di leva finanziaria. I movimenti di prezzo al rialzo o al ribasso sono quindi amplificati. Nelle ultime settimane alcuni trader sono tornati a fare leva Long, in effetti giocando d'azzardo con denaro preso in prestito su un aumento del prezzo. Osservando i dati su Binance, vediamo che circa il 75% dei trader è stato long nell'ultimo mese, ovvero speculando su un aumento dei prezzi delle criptovalute. Una tale sovra rappresentazione dei long provoca sempre una contro-reazione da parte dei trader che possono fare soldi shortando il mercato. Aspettano il loro momento. Nella cascata che ne segue, le posizioni long vengono liquidate e il prezzo scende violentemente. Durante l'attuale calo dei prezzi, sono stati liquidati 600 milioni di dollari in posizioni con leva in criptovalute: profitto per gli short. Solo quando il sentiment dell'investitore medio diventa estremamente negativo i tempi sono maturi per un'inversione di tendenza. Questo è il paradosso di questa guerra psicologica: c'è da guadagnare andando contro il sentimento. Pertanto, abbiamo visto che il più grande rialzo dei prezzi di Bitcoin del 2021 è iniziato a luglio, dopo che il sentiment è diventato estremamente negativo.

E adesso che succede?

Nessuno sa cosa farà il mercato delle criptovalute, e ovviamente nemmeno noi. Tutti sembrano essere in modalità "aspetta e vedi" al momento. I mercati azionari continueranno a scendere? In tal caso, non è una buona notizia per i mercati di criptovalute correlati. In tempi come questo, potrebbe essere bene fare un passo indietro e verificare con te stesso: credo nel lungo termine delle criptovalute? Che indicatori ho sul mio "dashboard" - a parte il prezzo - che mi aiutano a determinare se il mercato è ancora sano? Per esempio Hashrate dei bitcoin , il numero di utenti e il numero di sviluppatori in criprovalute . Se credi nel lungo termine e hai un orizzonte di investimento di molti mesi o addirittura anni, questo calo dei prezzi non è affatto motivo di panico. E per chiunque abbia una strategia di media dei costi in dollari (acquisti periodici), un calo del mercato è anche una buona notizia.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 70 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb