Robert Steinadler, 8 mesi fa

Nasce una nuova stablecoin: Tether lancia MXNT

Le monete stabili sono state un tema caldo nelle ultime due settimane e sembra che l'intero settore sia stato messo sotto esame. La tempesta intorno a Terra è passata e finora sembra che le monete stabili dominanti che sono rimaste stiano effettivamente offrendo una sorta di stabilità. Tra queste il leader di mercato Tether, che ha fatto un annuncio proprio ieri.

Cos'è MXNT e perché questa stablecoin è particolarmente importante?

L'America Latina è appassionata di criptovalute

Il Messico è uno dei Paesi economicamente più importanti dell'America Latina, grazie ai suoi forti legami con l'emisfero settentrionale del continente. Tether ha annunciato ieri il lancio di una stablecoin agganciata al valore del peso messicano con il nome di MXNT.

MXNT sarà lanciata su tre blockchain compatibili con EVM. Tra cui Ethereum, Polygon e Tron. Si prevede che la stabelcoin sarà disponibile su altre blockchain se l'adozione ne richiederà la disponibilità su altri protocolli.

Si tratta della quarta valuta fiat che entra a far parte del wallet di stablecoin di Tether insieme a USDT, EURT e CNHT.

Le Stablecoin sono importanti

Negli ultimi due anni le stablecoin sono diventate la spina dorsale dell'economia decentralizzata. Molti investitori le usano per mantenere una posizione fiat nel loro wallet di criptovalute o semplicemente per prezzare i token durante le negoziazioni sulle borse decentralizzate.

Un fattore altrettanto importante è il prestito e l'indebitamento di fiat tokenizzati. Con MXNT gli investitori e i trader dell'America Latina hanno l'opportunità di detenere un'altra valuta oltre al dollaro USA. La regione è particolarmente favorevole alle criptovalute perché molti Paesi sono in difficoltà economica. El Salvador è un'eccezione, ma anche in altri Paesi l'adozione è in corso. In molti casi, l'adozione delle criptovalute aiuta le persone a mitigare l'inflazione e l'instabilità record detenendo Bitcoin o dollari tokenizzati.

Articoli in primo piano
Articoli correlati
Corea del Nord dietro 600 milioni dell’hack di Ronin

apr 15, 2022

Secondo l'FBI, è chiaro chi c'è dietro l'hack di Ronin: la Corea del Nord. L'hack, avvenuto il mese scorso, ha coinvolto oltre 600 milioni di dollari: uno dei più grandi hack della storia delle criptovalute.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 80 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

  • 2525 Ventures B.V.
  • 3014 DA Rotterdam
  • The Netherlands
Più informazioni
  • Informazioni su LiteBit
  • Lavori
  • Supporto
  • Vendere
  • Notizie
  • Educazione
  • Affiliates
Iscriviti per ricevere gli aggiornamenti

Iscriviti per rimanere informato tramite i nostri aggiornamenti e-mail

Iscriviti
Esplora monete popolari
© 2023 LiteBit - Tutti i diritti riservati