Scritto da Erik Weijers 3 mesi fa

La Russia può eludere le sanzioni attraverso le criptovalute?

Molte persone che guardano le criptovalute si chiedono: dovremmo preoccuparci che Putin e la sua banda possano usare le criptovalute per eludere le sanzioni? Per diversi motivi, ciò non sembra essere troppo probabile.

Gli Stati Uniti e gli alleati hanno imposto pesanti sanzioni alla Russia come punizione per la sua invasione dell'Ucraina. Lo scopo delle sanzioni della comunità internazionale è quello di colpire duramente alcune istituzioni, governi e individui. Oltre a queste misure punitive, i beni degli oligarchi russi e della Banca centrale sono stati congelati. Inoltre, quasi nessuna banca russa può più partecipare a SWIFT (il sistema di messaggistica per le transazioni bancarie internazionali).

Elenchiamo quattro motivi per cui le criptovalute non sono uno strumento di riciclaggio di denaro così facile per gli oligarchi russi come potrebbe pensare onr.

1. Ci sono sanzioni anche sulle transazioni crittografiche

Come funzionano esattamente le sanzioni (misure punitive)? Non sono dirette contro tutti in Russia. Sono dirette contro Putin, la sua ricca cerchia ristretta (gli oligarchi), il governo russo e altri organismi statali, come la banca centrale. Esiste un elenco effettivo di queste entità.

    Agli Stati Uniti e ai loro alleati è ora vietato commerciare con le entità di questa lista nera. Quindi questi particolari individui o istituzioni russi non possono scambiare beni o servizi con un paese che supporta le sanzioni. Inoltre, non possono vendere prodotti sui mercati internazionali, né possedere proprietà in tali mercati.

    Ciò che è importante è quanto segue: alle persone dell'alleanza occidentale è ora vietato fare transazioni con persone sulla lista nera. Indipendentemente dai mezzi di transazione utilizzati: euro, dollari, oro o Bitcoin. Ci sono delle sanzioni per questo. Con quelle multe e una pena detentiva in mente, non c'è motivo di supporre che le persone passeranno improvvisamente a Bitcoin in massa. Non è moralmente accettabile e non vale la pena correre il rischio. Figuriamoci se sarà facile – di più su questo qui sotto.

    2. La scala delle criptovalute non si presta a grandi operazioni di riciclaggio di denaro

      I mercati delle criptovalute sono troppo piccoli per gestire gli enormi volumi in gioco qui. Certo, la blockchain Bitcoin può gestire grandi volumi, avvicinandosi alle decine o centinaia di miliardi in gioco. Ma è enormemente complicato riciclare denaro su larga scala attraverso una vasta gamma di wallet, scambi e monete per la privacy. Soprattutto se si tratta di una grande somma di denaro, le vostre transazioni sporgeranno come un pollice dolorante. Ci sono tutti i tipi di 'avvistamenti di balene' che sono in cima a questo.

      Inoltre, le coppie di trading tra Bitcoin e il Rublo sono molto meno liquide di quelle tra Bitcoin e il Dollaro o l'Euro.

      3. Gli scambi di criptovalute non sono il selvaggio west

        Gli scambi di criptovalute americani o europei sono regolati e rispettano la legge. Forniscono i dati del cliente se istruiti in tal senso. E per loro è ora illegale fare affari con individui russi nella lista nera. Questo è analogo a come le banche russe non possono più utilizzare SWIFT (il protocollo più utilizzato per la comunicazione internazionale tra le banche). Allo stesso modo, non possono più utilizzare i servizi di criptovalute. Senza gli scambi di criptovalute che cooperano, è molto più difficile convertire il rublo in criptovaluta.

        In secondo luogo, considera la trasparenza della blockchain: come è stato nuovamente dimostrato con l'arresto degli hacker di Bitfinex, è estremamente difficile muoversi e incassare criptovalute senza rivelare a un certo punto la tua identità. Su una blockchain, tutto può essere rintracciato.

        4. La Russia ha alternative più pratiche per il riciclaggio di denaro

          È più probabile che la Russia, se vuole spostare denaro in tutto il mondo, si concentri sulle forme tradizionali di riciclaggio di denaro. Ad esempio, le società di comodo e le banche lugubri. Possono anche utilizzare valuta estera di paesi che non supportano le sanzioni. Lo Yuan cinese è l'ovvio.

          Putin ha passato anni a rendere la Russia resistente alle sanzioni. Ha investito riserve in una varietà di valute estere e oro. Ha anche portato capacità manifatturiere in Russia. Le criptovalute non facevano parte della sua strategia nel farlo.

          Conclusione

          Le sanzioni hanno reso molto più difficile e persino criminale per chiunque condurre transazioni con entità russe nella lista nera. Sia con mezzi tradizionali che con le criptovalute. In entrambi i casi le persone lasciano tracce e in entrambi i casi subiscono sanzioni.

          Alcuni sostengono, ad esempio il vice primo ministro ucraino, di chiudere il commercio di criptovalute a tutti i russi. Questo colpirebbe il russo ordinario, che non è responsabile e sopporta solo il peso di questa guerra - enormemente difficile. È proprio il comune cittadino russo che ha bisogno di Bitcoin ora più che mai, per proteggersi da una caduta del rublo. I più grandi scambi di criptovalute sono quindi contrari a questo. Coinbase, Binance e FTX hanno fatto sapere che non vorranno congelare i conti di milioni di cittadini russi innocenti.

          Fai trading quando e dove vuoi

          Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 70 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

          lb