Scritto da Erik Weijers un mese fa

La controversia BIP119 tra gli sviluppatori di Bitcoin

Un acceso dibattito infuria nella comunità Bitcoin. Si tratta di una nuova proposta di miglioramento: BIP119. Il disaccordo riguarda principalmente la rapidità con cui questa proposta può essere approvata o se sia necessario raggiungere prima un ampio consenso.

L'ultimo aggiornamento di Bitcoin, Taproot, è stato preceduto da anni di ampio dibattito e test. Quindi c'era già un bel po' di unanimità prima che il meccanismo di attivazione dell'aggiornamento fosse messo in moto. In questo caso, tale accordo non esiste. La discussione sul BIP119 si è accesa soprattutto nelle ultime settimane. Dietro la questione della rapidità con cui la proposta deve essere posta in votazione c'è una questione più fondamentale. Vale a dire, la questione di cosa sia essenzialmente Bitcoin.

Che cos' è BIP119?

BIP119 (Bitcoin Improvement Proposal 119) darebbe a Bitcoin più opzioni per eseguire funzionalità simili a quelle di un contratto intelligente. Di conseguenza, le transazioni diventerebbero più programmabili. Ad esempio:

  • L'invio con periodicità dell'importo da trasferire
  • Wallet freddi intelligenti: programma il tuo wallet hardware (cold wallet) in modo tale che possa inviare il tuo Bitcoin solo a determinati indirizzi. Buona protezione in caso di furto del wallet hardware.
  • Rendere più efficace e conveniente un grande lotto di transazioni.

Per fare tutto questo, BIP119 utilizza i covenants. Si tratta di restrizioni in uno script che impostano le condizioni per la modalità di utilizzo dell'output di una transazione.

La preoccupazione: conseguenze non intenzionali

La preoccupazione è che la forza dei covenant causi effetti collaterali dannosi. Il creatore di BIP119, Jeremy Rubin, sostiene che il suo cosiddetto Check Template Verify è un'implementazione minimalista dei covenant. È proprio su questo punto che c'è preoccupazione, come sottolinea il grande esperto di Bitcoin Andreas Antonopoulos in queste Domande e Risposte.

Perché, dove finisce il potere di questi covenant? Una sfida con i covenant è che permette tutta una serie di restrizioni ricorsive e quindi difficili da prevedere: 'questo output di transazione può essere emesso solo da questo covenant in una transazione che ha anche un covenant, che ...' Eccetera, come un annidamento di bambole Babushka.

E potresti già essere leggermente allarmato... restrizioni sulle transazioni. Questo ha l'inconveniente che - involontariamente o meno, lontano nel futuro o meno - Bitcoin non può essere speso senza il consenso di un covenant. In effetti, potrebbe portare a una whitelist o blacklist a cui Bitcoin potrebbe o non potrebbe essere inviato. Questa è una caratteristica che potrebbe essere sfruttata e che potremmo non volere: rende Bitcoin meno scambiabile (fungibile). In effetti porterebbe a due tipi di Bitcoin: Bitcoin che può essere inviato ovunque e Bitcoin che può essere inviato solo a indirizzi nella whitelist.

Bitcoin è anti-fragile

Sotto il disaccordo sulle potenziali implicazioni del BIP119 si nasconde la questione più profonda di ciò che Bitcoin dovrebbe essere. Vogliamo anche trasformare il Bitcoin in una piattaforma di contratti intelligenti o dovremmo lasciarlo, per esempio, a Ethereum? Non è sufficiente che il Bitcoin faccia quello che sa fare meglio, che è semplicemente essere denaro duro? Non stiamo introducendo tutti i tipi di vulnerabilità se aggiungiamo troppa programmabilità?

Il punto di contesa con cui abbiamo iniziato questo articolo è procedurale ma non meno essenziale per ciò che rende Bitcoin anti-fragile. Jeremy Rubin vuole portare BIP119 ai minatori in un processo rapido: questo darebbe ai minatori quattro mesi per esprimere il loro voto. Se almeno il 95% è a favore, la nuova funzione è "bloccata" e sarà attivata di nuovo pochi mesi dopo. Questo sarebbe incredibilmente veloce per Bitcoin.

Se questo processo veloce dovesse avvenire e se la maggioranza dei minatori votasse a favore - il che non è molto probabile - allora questo riceverà senza dubbio un pushback dagli operatori dei nodi. Questi sono per lo più utenti regolari che gestiscono una copia della blockchain di Bitcoin. Hanno almeno lo stesso potere dei minatori nel permettere o bloccare un nuovo PIF. Chiunque gestisca un nodo potrebbe decidere di rifiutare i blocchi dei minatori che hanno votato per esso.

Così, il meccanismo di consenso di Bitcoin dipende dal voto di più tipi di parti ed è quindi altamente conservativo. Probabilmente non sarà possibile far passare rapidamente la BIP119.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 70 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb