Scritto da Erik Weijers 5 mesi fa

Minatori di bitcoin in Kazakistan offline dopo l'interruzione di Internet

Il governo dell'ex Repubblica sovietica del Kazakistan ha dichiarato lo stato di emergenza in risposta a violente proteste, rivolte e assedi agli edifici governativi. Ciò includeva la chiusura temporanea di Internet il 5 gennaio. Poiché si stima che il 22% dell'hashrate globale sia rappresentato dai minatori di Bitcoin dal Kazakistan, l'hashrate è sceso improvvisamente.

Il motivo del calo dell'hashrate è che per estrarre Bitcoin devono essere presenti alcuni ingredienti chiave: elettricità, hardware per la potenza di calcolo e accesso continuo a Internet. Senza Internet, i minatori perdono l'accesso alla blockchain di Bitcoin, che riceve un nuovo blocco all'incirca ogni dieci minuti. Secondo Coinwarz, al suo punto più alto il 4 gennaio, l'hashrate era di 194 exa hash (EH) al secondo. Durante il blackout di Internet, è sceso a un minimo di 168 EH/s.

Secondo quanto riferito, le proteste erano contro la corruzione e gli alti costi della benzina e della vita in generale. Il Kazakistan è uno dei maggiori paesi produttori di petrolio. Non sorprende quindi che i minatori di Bitcoin non funzionino con mulini a vento ma in gran parte con combustibili fossili.

La rete Bitcoin subisce più spesso improvvisi cali di hashrate. Quando la Cina ha imposto il divieto di estrazione mineraria nella primavera del 2021, l'hashrate è sceso di circa il 50% in breve tempo. Ci sono voluti mesi prima che tornasse ai livelli pre-divieto. Dopo l'attuale calo, l'hashrate si è ripreso molto più velocemente, presumibilmente perché i minatori in Kazakistan hanno riottenuto l'accesso a Internet.

Una soluzione molto suggerita per evitare i tempi di inattività dei minatori in questo tipo di situazioni è installare Internet via satellite come backup.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 70 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb