Scritto da Erik Weijers 2 mesi fa

Janet Yellen: le criptovalute non rappresentano (ancora) un rischio per il sistema finanziario

In una sessione al Congresso degli Stati Uniti, il Segretario al Tesoro Janet Yellen ha dichiarato di non vedere le criptovalute come un rischio sistemico per la stabilità del sistema finanziario. Ha però citato il crollo degli UST come esempio di rischio per le criptovalute.

Il motivo per cui la Yellen non vede un grande rischio è che il mercato delle criptovalute rappresenta un valore totale di "soli" 2.000 miliardi di dollari (duemila miliardi). In confronto, il mercato obbligazionario globale ha una dimensione di circa 120 trilioni di dollari.

Il termine rischio sistemico è stato introdotto dal Congresso degli Stati Uniti come etichetta per alcune grandi istituzioni o settori finanziari. Si pensi all'assicuratore AIG, che prima del 2008 deteneva ampie posizioni in prodotti ipotecari. Quando il mercato immobiliare è crollato e AIG ha rischiato di fallire, il governo statunitense ha deciso di correre in suo soccorso. La società è stata salvata: era troppo grande per fallire.

Nelle criptovalute, un simile salvataggio non è mai avvenuto. Il settore è orgoglioso della sua indipendenza e del fatto che i rischi finanziari non sono assorbiti dal governo e quindi dai contribuenti.

La Yellen non ha voluto approfondire la questione a quale valore di mercato considererà le criptovalute come un rischio.

La crescita del mercato delle stablecoin

I membri del Congresso hanno posto molte domande sulle stablecoin, senza dubbio in parte a seguito del crollo degli UST di questa settimana.

I governi si sono comunque preoccupati delle stablecoin. Questa preoccupazione è senza dubbio in parte genuina, ma anche in parte opportunistica: gli emittenti di stablecoin sono in un certo senso concorrenti delle banche (centrali). Entrambi emettono denaro.

"Non le definirei [le stablecoin] una vera e propria minaccia per la stabilità finanziaria, ma stanno crescendo molto rapidamente e presentano lo stesso tipo di rischi che conosciamo da secoli per le corse alle banche".

La Yellen ha detto di sperare che la legislazione sulle stablecoins sia completata quest'anno. Nel marzo del 2022, il Presidente Biden ha esortato le autorità di regolamentazione a lavorare per un'ampia regolamentazione dell'intero mercato delle criptovalute.

Non tutte le stablecoin sono uguali

La Yellen ha rivelato di conoscere la differenza tra i tipi di stablecoin. Alcune utilizzano dollari "reali" come garanzia. Alcune hanno come garanzia altre criptovalute: la stablecoin DAI, ad esempio, fa così. Ci sono poi le stablecoin che non hanno garanzie, ma si basano su un sistema di incentivi. Premiano i trader che aiutano a bilanciarle. Il problema di queste stablecoin algoritmiche senza garanzia è che funzionano solo finché i trader vogliono continuare a farlo. Se tutti corrono verso l'uscita, non c'è alcun fondo, se non il numero 0.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 70 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb