Scritto da Erik Weijers 2 mesi fa

Il denaro istituzionale fluisce in criptovaluta

L'afflusso di capitali dalle istituzioni la scorsa settimana è stato di 193 milioni di dollari: l'importo più alto dal dicembre dello scorso anno. La quota del capitale istituzionale è cresciuta rapidamente negli ultimi anni ed è grosso modo paragonabile al contributo degli investitori al dettaglio.

Qual è la spiegazione di questo improvviso aumento degli afflussi? Un indizio è che la maggior parte del denaro proviene dalle Istituzioni europee. Forse il sollievo che l'UE ha votato contro il divieto di Bitcoin ha dimostrato l'innesco. Rispetto ad altre risorse di criptovalute, circa la metà dei nuovi soldi è fluita in Bitcoin.

I dati provengono da CoinShares, che monitora settimanalmente gli afflussi istituzionali di capitale. Pensa alle società quotate, ai fondi comuni di investimento, ai fondi pensione e ai fondi sovrani.

A proposito, Solana (SOL) ha conquistato il secondo posto la scorsa settimana in termini di afflussi. Una settimana record per questa moneta, ancora più richiesta dalle istituzioni rispetto all'Etere (ETH).

Perché le istituzioni sono (finalmente) venute

Nel 2017, era ancora ‘opium’: le istituzioni stanno arrivando! Ma nel primo trimestre del 2018, le istituzioni hanno rappresentato solo il 20% degli investimenti in criptovalute. Confrontalo con il 64% nel quarto trimestre del 2020, un trimestre top per le istituzioni.

Qual è il motivo per cui le istituzioni sono diventate davvero un fattore importante, rispetto a quattro anni fa? Gli hedge fund hanno investito 68 miliardi in progetti di criptovalute nel 2021. È circa 100 volte di più rispetto al 2017. Anche il mercato del capitale di rischio delle criptovalute è cresciuto enormemente. Rispetto al 2017, la quantità di investimenti nelle startup è aumentata da 1 miliardo di dollari a 11 miliardi di dollari. Le istituzioni più grandi in genere collocano una percentuale del loro portafoglio nel capitale di rischio.

Un analista di Messari elenca alcune ragioni di questo accresciuto interesse:

  • Ora esiste un'infrastruttura professionale per la custodia. Un fondo sovrano semplicemente non acquista e memorizza le sue criptovalute sul proprio portafoglio hardware o MetaMask. Ora ci sono criptovalute molto apprezzate e persino banche tradizionali dove le istituzioni possono depositare miliardi in criptovalute.
  • Altri strumenti di investimento: nel 2017 non c'era un mercato dei futures e non c'erano ETF Bitcoin. Questi e simili strumenti che gli investitori professionali amano trattare stanno ora proliferando. Inoltre, i più grandi scambi di criptovalute possono gestire ordini enormi senza problemi.
  • Maggiore chiarezza da parte delle autorità di regolamentazione. Anche se non esiste ancora una legislazione finalizzata sia negli Stati Uniti che in Europa, è chiaro che questi governi vogliono incorporare la criptovaluta nel sistema finanziario e certamente non dichiareranno un divieto generale.

Perché il denaro istituzionale è importante?

Anche le istituzioni vedono che la realtà finanziaria sta cambiando. La distribuzione tradizionale del 60% di azioni e del 40% di obbligazioni non produce più rendimenti sufficienti, nemmeno in termini di diversificazione del rischio. Le istituzioni stanno anche semplicemente guardando ai concorrenti, che stanno ottenendo rendimenti migliori mettendo un po' di percentuale in criptovaluta - senza che quel pochi percento crei alcun rischio aggiuntivo significativo.

Cosa significa il denaro istituzionale per il mercato delle criptovalute? In primo luogo, la domanda aggiuntiva di denaro istituzionale sta spingendo il prezzo della criptovaluta al rialzo. Inoltre, è ampiamente creduto nel mercato delle criptovalute che l'arrivo di denaro istituzionale avrà un effetto stabilizzante sui prezzi. Un fondo sovrano non scimmiotta una moneta e non vende nel panico.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 70 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb