Scritto da Erik Weijers un mese fa

Il capo della Tesoreria degli Stati Uniti è sorprendentemente positivo su Bitcoin e DeFi

Il capo della Tesoreria USA Janet Yellen non era affatto una fan di Bitcoin. Ce lo ha letteralmente fatto sapere nel 2018, allora come presidente della Federal Reserve. Questo è il motivo per cui i seguaci delle criptovalute hanno avuto difficoltà a non rovesciare il loro caffè quando hanno visto Yellen spiegare come funziona Bitcoin e che la finanza decentralizzata può fornire l'inclusività finanziaria.

È una finta? È stata una reazione comune su Twitter. Come potrebbe uno dei migliori burocrati d'America aver cambiato la sua melodia così improvvisamente? Molto probabilmente, l'atteggiamento cambiato ha a che fare con il recente ordine esecutivo del presidente Biden che ha diretto i regolatori degli Stati Uniti per mettersi finalmente al lavoro sulla regolamentazione delle criptovalute. Le criptovalute non possono più essere liquidate come tecnologia per i criminali e devono avere un posto solido nel quadro normativo. Questo messaggio è apparentemente arrivato - almeno al capo della Tesoreria.

'Vedo i benefici delle criptovalute'

Il discorso arriva dopo un'intervista del 2022 marzo con la CNBC dove il nuovo atteggiamento è diventato chiaro per la prima volta. L'intervistatore chiede quale sia la sua reazione al ruolo delle crypto, dato che la Russia sta considerando di accettare Bitcoin come mezzo di pagamento. Yellen:

"Le criptovalute [...] stanno ora giocando un ruolo significativo, non tanto nelle transazioni, ma nelle decisioni di investimento di molti americani. [...] Ho un po' di scetticismo perché ci sono preoccupazioni valide intorno ad esso. [...] D'altra parte ci sono benefici dalla crittografia e riconosciamo che l'innovazione nel sistema di pagamento può essere una cosa sana. Vorremmo uscire con regolamenti che creino un ambiente normativo in cui possa verificarsi una sana innovazione".

'La blockchain dovrebbe essere consentita'

Il punto cruciale del discorso della Yellen del 7 aprile è che il lavoro del governo non è quello di decidere quale tecnologia è permessa. Dovrebbe essere puramente sulla protezione dei consumatori.

"Laddove possibile, la regolamentazione dovrebbe essere neutrale dal punto di vista tecnologico. I consumatori, gli investitori e le imprese dovrebbero essere protetti dalle frodi indipendentemente dal fatto che le attività siano memorizzate su un bilancio o su un libro mastro distribuito".

Satoshi ci ha reso meno dipendenti dagli intermediari centralizzati

Nel suo discorso, la Yellen ci porta attraverso gli ultimi decenni di innovazione finanziaria. Bitcoin, finanza decentralizzata e stablecoins sono anche discussi. La linea di fondo è che l'America deve essere un luogo in cui i regolatori danno spazio all'innovazione e assicurano che il pubblico rimanga protetto.

È degno di nota che la Yellen parli nel discorso dell'alto costo del sistema finanziario tradizionale, di cui lei è ovviamente una dei rappresentanti. Secondo lei, il sistema pesa soprattutto sulle persone con redditi più bassi, sui migranti e sulle parti meno sviluppate del mondo.

Spiega poi il ruolo delle criptovalute e l'idea centrale di Bitcoin:

"Più recentemente, la nuova tecnologia ha sollevato la possibilità di ridurre la dipendenza da intermediari centralizzati come le banche e le società di carte di credito. Nel 2008, una persona - o un gruppo di persone - usando lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto ha proposto un sistema decentralizzato peer-to-peer per fare ed elaborare pagamenti".

Continua con una breve spiegazione delle possibilità della finanza decentralizzata e dei contratti intelligenti. Sottolinea il potenziale per una maggiore inclusione finanziaria: "gli asset digitali consentono un più ampio accesso ai mercati finanziari". Sembra anche abbastanza positiva riguardo agli stablecoin.

Nella conclusione del discorso, elogia le valute digitali della banca centrale. Chiaramente, gli Stati Uniti stanno facendo passi avanti con la loro ricerca di un dollaro digitale emesso dalla banca centrale.

Conclusione

Il discorso della Yellen è un momento fondamentale nella storia della regolamentazione finanziaria negli Stati Uniti. Se esisteva ancora qualche dubbio che l'America volesse bandire Bitcoin o le cripto, questo dubbio è ora completamente sparito. Mostra anche che gli Stati Uniti sembrano scegliere il ruolo di pioniere nel settore crypto. La Cina ha vietato il Bitcoin e l'Europa sta per approvare normative soffocanti. Questa opportunità di diventare - ancora una volta - il pioniere di uno spazio innovativo non sembra essere un'opportunità che gli Stati Uniti si lasceranno scappare.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 70 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb