Scritto da Robert Steinadler 2 mesi fa

Australia: Gli ETF su Bitcoin ed Ethereum hanno iniziato il trading oggi

Ammettiamolo: questa settimana è stata una catastrofe per il mercato in termini di prezzi e stabilità. Mentre la maggior parte degli investitori e dei trader è impegnata a capire come giocare su questo mercato in tempi difficili, sembra che si stia perdendo le notizie positive del giorno. Oggi, i primi ETF sulle criptovalute iniziano a operare in Australia nonostante le condizioni del mercato.

Cosa sono gli ETF su Bitcoin e criptovalute, a cosa servono e perché potrebbero diventare importanti in futuro?

Gli ETF hanno iniziato il trading oggi

Sono tre gli ETF sulle criptovalute che hanno iniziato a fare trading oggi in Australia. L'ETFS 21Shares Bitcoin ETF, l'ETFS 21Shares Ethereum ETF e il Cosmos Purpose Bitcoin Access ETF. Tutti e tre gli ETF sono partiti con un leggero ritardo e l'inizio delle negoziazioni era inizialmente previsto per la fine di aprile. I prodotti hanno dovuto superare diversi controlli da parte di Cboe Australia, ma alla fine hanno ricevuto il via libera per l'avvio.

Entrambi gli ETF emessi da ETFS investiranno direttamente negli asset in questione, mentre Cosmos, la società dietro il terzo ETF, investirà nel Canadian Purpose Bitcoin ETF. In fin dei conti, la differenza è minima, poiché il Canadian Purpose Bitcoin ETF acquista BTC da Genesis come fornitore di liquidità.

Questa è un'ottima notizia perché in altri Paesi gli ETF sui Bitcoin sono ancora sotto esame da parte delle autorità di regolamentazione. Negli ultimi 4 anni, la SEC sta respingendo gli ETF sul Bitcoin che mirano a investire direttamente nell'asset, mentre consente gli ETF sul Bitcoin che investono piuttosto in futures sul Bitcoin.

Perché è importante?

La risposta a questa domanda è relativamente semplice: Gli ETF australiani acquistano Bitcoin direttamente dal mercato. Allo stesso tempo, aprono l'accesso al mercato delle criptovalute, troppo complesso per alcuni investitori.

Altri potrebbero essere più preoccupati delle tasse o di altri fattori che entrano in gioco se un investitore vuole solo esporsi alle criptovalute ma non ha bisogno di entrare in contatto con il loro potenziale detenendo personalmente le monete. Si ritiene che se gli ETF diventeranno più disponibili, un maggior numero di capitali entrerà nel mercato e i fondi dovranno acquistare e detenere asset come Bitcoin ed Ethereum per i loro clienti.

Questo potrebbe aumentare la domanda di criptovalute nei prossimi 5 anni o giù di lì, il che di solito è visto come un evento fondamentalmente rialzista. Naturalmente, l'avvio di un ETF spot negli Stati Uniti avrebbe un impatto ancora maggiore rispetto all'avvio che abbiamo appena visto in Australia.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 70 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb