lb

un anno fa

Ethereum 2.0: Perché il cambio di paradigma è così importante per Ether

Ethereum è la criptovaluta di maggior successo al mondo dopo Bitcoin. Ciò è principalmente dovuto al fatto che Ethereum non ha cercato di essere un concorrente di Bitcoin e di avere una funzione di valuta o una riserva di valore, ma ha aperto una dimensione completamente nuova per la tecnologia blockchain. Il risultato più grande, con cui probabilmente è entrata in contatto anche la maggior parte dei nostri lettori, è lo smart contract.

Questa nicchia non è più unica oggi e molte criptovalute sono in competizione con Ethereum. Negli ultimi 4 anni, i progetti hanno continuato a intensificarsi per essere un’alternativa migliore a Ethereum come piattaforma degli smart contract. Tra loro NEO, Cardano, Algorand, Solana e Polkadot. Finora nessuno è riuscito a sostituire l’elegante sistema che Ethereum ha creato. Il mercato si affida ancora alla blockchain di Ethereum e molti progetti sono quindi dedicati a come essere interoperabili con Ethereum piuttosto che a come sostituirlo completamente.

Tuttavia, Ethereum ha bisogno e vuole cambiare e gli eventi recenti sottolineano perché questo è così urgentemente necessario. Nell’articolo di oggi, affronteremo la questione di cosa sia Ethereum 2.0 e perché questo cambiamento sia necessario in primo luogo.

Le commissioni sulla blockchain di Ethereum stanno esplodendo

L’anno scorso, l’hype DeFi è decollato e centinaia, se non migliaia di nuove applicazioni sono state create sulla blockchain di Ethereum. Insieme alla grande utilità offerta da molte di queste applicazioni, è aumentata anche la richiesta di interazione sulla blockchain. In questo processo, ogni transazione e interazione con uno smart contract richiede che Ether paghi le commissioni sostenute.

Più partecipanti vogliono utilizzare questo sistema, più tasse devono pagare. Sono in competizione tra loro per vedere chi può avviare una transazione nel più breve tempo possibile. Con questa richiesta, anche le tasse sono aumentate, il che è molto piacevole per i miner, ma un disastro per molti utenti.

Se provi a gestire somme inferiori, le commissioni possono superare il valore della transazione, a seconda del carico di lavoro della rete.

Proof of Work vs Proof of Stake

La blockchain di Ethereum fino ad oggi si è basata su Proof of Work. Il modello era il sistema più sicuro conosciuto al momento dello sviluppo di Ethereum. Bitcoin si basa anche su Proof of Work ed è quindi considerato molto sicuro. Il vantaggio è la decentralizzazione e la sicurezza, ma ciò va a scapito della velocità e dell’output delle transazioni.

Quindi Ethereum, con i suoi smart contract per tokenizzare le risorse o decentralizzare l’assicurazione e il trading, sta cercando di servire casi d’uso che richiedono semplicemente una scalabilità migliore o più elevata. Questo non può essere ottenuto con l’attuale blockchain e quindi era chiaro che doveva essere creata una nuova soluzione.

Nel frattempo, molti esperti concordano sul fatto che Proof of Stake sia sicuro almeno quanto Proof of Work e anche gli sviluppatori di Ethereum 2.0 sono giunti a questa conclusione. Con questo, non solo vogliono rendere la blockchain di Ethereum più rispettosa dell’ambiente, ma anche aumentare le transazioni al secondo.

Sharding: Ethereum si divide in molte catene

Ethereum 2.0 si basa non solo su una blockchain, ma su una moltitudine di catene che possono interagire tra loro. L’idea alla base di questo è relativamente semplice. Ciascuna delle singole blockchain può servire a casi d’uso molto specifici e, per finalizzare le transazioni, comunica regolarmente con la mainchain.

Questo distribuisce meglio il carico di lavoro complessivo, mentre la protezione del rafforzamento della fiducia della blockchain di Ethereum è l’autorità finale per registrare transazioni e accordi. Attualmente sono previste 64 diverse blockchain per l’inizio, che interagiranno gradualmente tra loro e passeranno prima attraverso varie fasi di test.

Poiché la blockchain di Ethereum 2.0 è completamente indipendente, funzionerà separatamente fino a quando non verrà fusa con la vecchia blockchain. Tuttavia, la vecchia catena non diventerà automaticamente obsoleta, ma dovrà essere collegata a quella nuova come una delle tante catene e unificata. In questo modo, tutti gli aspetti che non possono essere trasportati, se necessario, possono rimanere a casa sulla vecchia catena.

Cosa succede all’Ether esistente?

Come è prontamente evidente dalle spiegazioni precedenti, la vecchia e la nuova blockchain di Ethereum funzionano separatamente, il che presenta nuove sfide tecniche. La blockchain di Ethereum 2.0 è iniziata ufficialmente il 1 ° dicembre 2020, depositando almeno 540.000 Ether in uno smart contract sulla vecchia blockchain.

Pertanto, chiunque abbia depositato ETH nello smart contract della cosiddetta Beacon Chain ed è diventato un validatore, detiene automaticamente la stessa quantità di ETH2. Mentre le due blockchain vengono eseguite in parallelo, non possono avvenire transazioni tra di loro. Chiunque detenga ETH2 dovrà essere paziente fino a quando la vecchia blockchain non potrà essere collegata, dopodiché potrà interagire con il vecchio ecosistema o possedere nuovamente ETH “a tutti gli effetti”.

Alla fine, la criptovaluta Ether verrà fusa e non avrà importanza per la maggior parte degli utenti finali e degli investitori a questo proposito su quale blockchain si trovano attualmente. Dopo la fusione, tutti gli investitori manterranno le loro monete così come sono, ma saranno poi tutti in grado di passare alla nuova blockchain, se ciò non è stato fatto prima.

Staking con Ethereum 2.0

Il passaggio al meccanismo di consenso consente anche agli investitori di partecipare allo staking. In primo luogo, Ethereum ha i cosiddetti validatori. Per essere qualificato come tale, è necessario depositare 32 ETH per validatore. Questa è una variazione di Proof of Stake, perché altre criptovalute conoscono ancora il concetto di delegare monete. Esempi di questo sono Tezos o Tron.

Nel caso di Ethereum 2.0, si intende che i validatori forniscano il suddetto deposito e gestiscano anche un corrispondente nodo di rete, che deve avere una certa disponibilità temporale giornaliera per poter svolgere anche i propri compiti. Poiché 32 ETH non è alla portata di tutti gli investitori e il funzionamento del validatore richiede anche competenze adeguate, è possibile in alternativa utilizzare un pool per lo staking. Questi mettono in comune i depositi di piccoli investitori e formano e gestiscono i validatori con loro.

La ricompensa, che viene raggiunta dai validatori, è condivisa da tutti i partecipanti in modo simile a un mining pool. La stessa piscina genera una commissione. Pertanto, ETH2 consente anche ai piccoli investitori di generare reddito passivo, sebbene il mining verrà abolito a lungo termine.

L’interoperabilità sta diventando sempre più importante

Ethereum 2.0 illustra un passaggio che può essere osservato anche in altri progetti blockchain. Sta diventando sempre più importante che diversi blockchain possano interagire tra loro. Da un lato, è possibile collegare diversi ecosistemi e, dall’altro, le risorse possono essere utilizzate in modo più mirato.

Ethereum vuole utilizzare questa idea per differenziare tra diverse catene nel proprio ecosistema e sfruttare le loro capacità. Sta diventando sempre più chiaro che questo includerà anche blockchain che sono stati progettate come sistemi indipendenti. Gli esempi includono Polkadot e, più recentemente, Cardano, che mira a creare gli smart contract tramite Glow che alla fine saranno anche compatibili con Ethereum.

L’interoperabilità e la capacità di fornirla in qualsiasi direzione necessaria stanno quindi diventando sempre più importanti ed Ethereum sta sicuramente sperimentando la concorrenza in questo senso.

La tabella di marcia: quando sarà tutto pronto?

A causa del fattore tempo e della concorrenza che Ethereum sta vivendo in questo momento, molti investitori sono ansiosi di vedere come si esibirà ETH. Da un lato, le commissioni sono dolorose per molti investitori e utenti e, dall’altro, il periodo di tempo per il rilascio completo di Ethereum 2.0 è sicuramente un criterio importante nella valutazione dell’investimento.

La tabella di marcia è lunga e per certi versi non è chiaro quando le fasi specifiche possono essere elaborate o raggiunte. Tutto sommato, potrebbero essere necessari dai due ai tre anni prima che tutti gli obiettivi siano stati implementati. Ma ovviamente, ciò non significa che nel frattempo non si possano fare progressi significativi.

Entro la fine dell’anno, i primi frammenti - come vengono intitolati i sidechain - potrebbero già essere completati e interagire con la blockchain vera e propria. Tuttavia, affinché ciò avvenga, l’attuale blockchain di Ethereum deve essere messa alla prova e anche i frammenti necessitano di una lunga fase di test prima che possano essere effettivamente produttivi. Ciò significa che molte funzionalità non saranno disponibili nel prossimo futuro.

Ad esempio, Ethereum 2.0 attualmente non ha gli smart contract e dovrà sbloccare queste e altre funzioni passo dopo passo. Dopo il lancio, le persone si sono preoccupate in particolare delle basi pure della nuova blockchain, vale a dire la questione se Proof of Stake funzioni senza intoppi.

Di conseguenza l’ETH scarseggerà?

La questione non può essere risolta in modo affermativo sotto tutti gli aspetti. La quantità totale in circolazione non sarà ulteriormente aumentata o resa più scarsa dal processo o dalla conversione. Tuttavia, ETH2 non può essere utilizzata sul mercato fino al completamento della fusione delle catene.

Questo in realtà dà una carenza limitata e temporanea perché ETH2 di fatto non è disponibile sul mercato e non può essere scambiato. Alcuni dei pool di picchettamento aggirano il problema emettendo in cambio un wrapper. Ad esempio, il protocollo di staking Lido paga 1 stETH per ogni ETH depositato. Con stETH, gli stakeholder hanno la possibilità di riconvertire il loro stETH in ETH in qualsiasi momento o di utilizzarlo in altre applicazioni DeFi.

Il punto chiave è che anche quando viene ricevuto un wrapper, l’ETH una volta depositato non può essere ritrasferito alla vecchia catena. Pertanto, non è più disponibile sul mercato. È discutibile se questa scarsità abbia un effetto rialzista sul mercato.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 70 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb