Scritto da Erik Weijers un mese fa

Quattro strategie di trading per le criptovalute

La differenza tra investimento e trading esiste tanto nel settore delle criptovalute quanto nei mercati tradizionali. Anche se il gergo è a volte diverso, la linea di fondo è la stessa. Volete prendere il tempo sul mercato o piuttosto non preoccuparvi del prezzo a breve termine? Ma se volete fare trading, su quale arco temporale?

Immaginate un treno carico di ragazze adolescenti che si recano al concerto della loro band K-pop preferita. Moltiplicatelo per dieci e avrete un'idea del livello di eccitazione e isteria dei mercati delle criptovalute. Le emozioni sono altissime. Ogni tweet che leggete, ogni TikTokker che vi dice di comprare o vendere ora, vostra madre che ha sempre pensato che fosse una cattiva idea.... Da tutte le parti si viene bombardati da segnali contraddittori. Come si fa a rimanere lucidi? Con una buona strategia di trading.

Cercando di attenersi a una strategia, si evita che le proprie emozioni o quelle degli altri abbiano la meglio e che si prendano decisioni sbagliate. Seguire le emozioni spesso significa seguire la folla e questo non vi porterà profitti. Molto probabilmente arriverete troppo tardi.

In linea di massima esistono quattro strategie, adatte a diverse scale temporali.

1. Trading giornaliero (Day trading)

    Il Day trading significa che i trader aprono (acquistano) e chiudono (vendono) le posizioni nello stesso giorno. Si tratta di una strategia a breve termine che consente di trarre profitto da piccole fluttuazioni di prezzo.

    In realtà, il termine non è del tutto appropriato per i mercati delle criptovalute: dopo tutto, sono aperti 24 ore al giorno. Ma l'arco temporale è chiaro: breve termine. Può essere un'attività stressante e ha senso solo se si utilizzano dati che supportano i momenti di acquisto e vendita. In caso contrario, si tratta di un gioco d'azzardo.

    I day trader utilizzano quindi la cosiddetta analisi tecnica per determinare se sta per arrivare un momento di acquisto o di vendita. Un esempio è rappresentato dalle medie mobili (linee di tendenza) su più archi temporali per determinare se il prezzo è vicino a un top o a un fondo locale. A volte un trader utilizza alcuni indicatori combinati. Se emettono lo stesso "segnale", potrebbe essere il momento di premere il pulsante di acquisto o di vendita. Naturalmente, si tratta solo di probabilità e non di certezze!

    Alcuni indicatori sono:

    • L'indice di forza relativa (Relative Strength Index - RSI): misura la velocità di variazione dei prezzi. Ad esempio, dopo un rapido declino il prezzo è "ipervenduto", il che può rappresentare un punto di ingresso per i trader.
    • La media mobile di convergenza/divergenza (Moving Average Convergence/Divergence -MACD): due linee di tendenza di diverse medie mobili. Se si incrociano, sono segnali di acquisto o di vendita.

      2. Swing trading

      Il trading swing è un tipo di strategia di trading per periodi più lunghi di un giorno, ma di solito non più di qualche settimana o mese. È meno frenetico del day trading: si possono prendere decisioni informate.

      Quando si opera su questa scala temporale, si osservano innanzitutto i grafici dei prezzi e la relativa analisi tecnica. Ma allo stesso tempo si guardano anche le cause sottostanti ai movimenti dei prezzi: la cosiddetta analisi fondamentale.

      Che cos'è l'analisi fondamentale? Supponiamo che il Bitcoin sia "tecnicamente buono" e che arrivino molte notizie sull'adozione da parte di aziende e banche che vogliono inserire il BTC nei loro bilanci. Questo è un segnale macroeconomico di cui potete tenere conto nella vostra decisione di acquisto.

      Analisi a catena (on-chain)

      Inoltre, nel settore delle criptovalute è disponibile un tipo di analisi fondamentale che non esiste nei mercati tradizionali, ovvero l'analisi on-chain. Questo comporta dati come:

      • Quanti sono gli indirizzi attivi?
      • Gli hodler hanno comprato/venduto ultimamente o solo i trader a breve termine?
      • Cosa stanno facendo i minatori di Bitcoin?
      • Quanto Ether è bloccato nei contratti defi?

      Questi sono tutti fattori che stanno alla base dei movimenti dei prezzi e sono quindi "fondamentali". Possono non essere ancora visibili nel prezzo, ma possono diventarlo.

      3. Trading di tendenza (Trend trading)

        In quale direzione prevedete che il prezzo si muoverà nei prossimi mesi o anni? In gran parte si basa sull'analisi fondamentale di cui sopra. I movimenti del prezzo giornaliero o settimanale di solito non vi diranno molto al riguardo. I vostri acquisti si basano sull'analisi del trend? Allora non venderete il giorno dopo. Pensate piuttosto a mesi di distanza.

        Alcuni fondamentali da tenere in considerazione:

        • Come vedono le criptovalute i governi? Ad esempio, è in arrivo un divieto in alcuni paesi mentre altri paesi stanno acquistando Bitcoin per il tesoro?
        • Qual è la linea di tendenza dell'adozione di certe monete in certi Paesi e/o strati della popolazione?

        Oltre a queste tendenze fondamentali, nel settore delle criptovalute è possibile effettuare un'analisi tecnica su periodi di tempo più lunghi. Il movimento dei prezzi del Bitcoin segue dei cicli e tradizionalmente le altcoin si muovono secondo un certo schema. Naturalmente, non c'è alcuna garanzia che questi schemi di prezzo si ripetano, ma è un fattore da considerare nella vostra decisione. A ciò si aggiungono le tendenze macroeconomiche a lungo termine. Pensate alle politiche dei tassi di interesse delle banche centrali. Quanto è forte o debole la pressione monetaria? Molto importante, anche (soprattutto) per i mercati delle criptovalute.

        4. A lungo termine: acquistare e mantenere

          Non si tratta di una vera e propria strategia di trading, ma piuttosto di un investimento passivo. E questo va bene. Per molte persone è più facile guadagnare nel lungo periodo investendo che facendo trading. Molte persone hanno altro da fare che guardare i prezzi e prendere decisioni su base giornaliera. Anche per questo motivo, scelgono di acquistare e mantenere, indipendentemente dall'andamento dei prezzi in una determinata settimana o mese. Per esempio, la loro decisione di acquisto si basa su una certa visione del futuro del denaro. Ad esempio, si ritiene che ci sia una probabilità superiore al 50% che il Bitcoin venga utilizzato molto di più tra cinque anni rispetto ad oggi. Questo può giustificare una decisione di acquisto una tantum, in cui non si fa il trade-off di vendere a ogni calo di prezzo. Tra i bitcoiners, questa strategia ha acquisito il nome di "hodling". L'acronimo Hold On for Dear Life è appropriato nei mercati ribassisti. Nonostante la vostra convinzione, non è sempre facile guardare i prezzi scendere e non vendere.

          Fai trading quando e dove vuoi

          Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 70 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

          lb