Scritto da Erik Weijers 6 mesi fa

Cos'è il Metaverso?

La parola Metaverso sta spuntando sempre più spesso come descrizione di come vivremo online in futuro. Si è tentati di immaginare il Metaverso come una sorta di videogioco gigante. Un'immagine migliore e più concreta è quella del Metaverso come esperienza ricca e onnipresente di essere online.

Perché anche se ora abbiamo internet mobile, dobbiamo ancora "afferrare" l'accesso a Internet sui nostri dispositivi. Con il Metaverso, Internet sarà presto "intorno" a noi. Questo è ciò che il Metaverso è in sostanza. È il passo successivo dell'integrazione di Internet nella nostra vita. Ciò è reso possibile da una capacità di streaming sempre migliore, sensori sensibili, telecamere per il rilevamento dei volti, occhiali in realtà aumentata e così via.

https://youtu.be/Q13CishCKXY

Più della realtà virtuale

Il termine Metaverso è stato coniato da Neal Stephenson nel suo romanzo di fantascienza del 1992 Snow Crash. In esso, le persone si muovono come avatar in uno spazio virtuale tridimensionale.

Ma il Metaverso nella nostra definizione è più ampio della realtà virtuale. Molte persone immaginano il Metaverso come una forma un po' più avanzata di Seconda Vita, in cui tutti noi scegliamo il nostro avatar. Oppure, come mondo in cui possiamo entrare indossando le nostre cuffie VR. Ma questi due ingredienti non sono necessari per il Metaverso. La realtà virtuale è solo una delle "app" del Metaverso.

Secondo Matthew Ball:

"Il Metaverso, come internet, internet mobile e il processo di elettrificazione, è una rete di esperienze e applicazioni interconnesse, dispositivi e prodotti, strumenti e infrastrutture."

Proprio nel modo in cui non equipariamo Google o Facebook a Internet, nemmeno il Metaverso sarà un singolo dominio.

Saltellando con la nostra identità e roba

Immagina il Metaverso come una forma di Internet che è ovunque, con immagini più ricche. Un punto importante che molti esperti fanno è che il Metaverso non è un mondo, ma diversi ambienti online (3D). Con una differenza importante rispetto ai molti ambienti online che già esistono, vale a dire che sono idealmente interoperabili. Distribuirai la tua identità e le tue cose virtuali su più piattaforme. L'NFT che hai acquistato in una galleria online - potresti volerlo usare o vendere in un altro luogo - magari in un gioco. Quindi il Metaverso non è solo un mondo virtuale di fantasia: è un'economia reale, dove le cose vengono prodotte e vendute.

Wen Metaverso?

Gli sviluppi necessari per creare un Metaverso fiorente richiedono anni, forse decenni. Richiede tutti i tipi di sviluppi in hardware, software, potenza di calcolo, applicazioni di pagamento e standard di comunicazione. Ma lo sviluppo si è accelerato negli ultimi anni, ad esempio con migliori tecniche di imaging e rendering 3D. Detto questo: siamo già in una prima versione del Metaverso. Il fatto che i coinquilini siano seduti nella stessa stanza con le cuffie con cancellazione del rumore, ad ascoltare il loro podcast, è già un segno che "dove siamo" sta iniziando a scollegarsi da dove siamo nel meatspace.

Preoccupazioni per la centralizzazione, opportunità per la tecnologia blockchain

Quale sarà l'architettura del Metaverso? Gli "oggetti" saranno in un database o su una blockchain? Facebook o altri giganti della tecnologia possiedono o condividono la proprietà? Questo è un importante punto di contesa che sarà combattuto nei prossimi anni.

I sostenitori delle criptovalute non sono ovviamente fan del risultato Big Tech centralizzato. Considera ciò che il divieto da parte di un'applicazione controllata centralmente come Twitter sta già facendo alla vita di alcune persone. Il controllo totalitario sull'accesso alle applicazioni Metaverso sarebbe ancora più drammatico. Proprio perché quasi tutto sta per accadere nel Metaverso: il tuo lavoro, i tuoi contatti sociali, effettivamente la tua vita.

La speranza di molti, quindi, è che molto sarà costruito sulla tecnologia blockchain. Per questo motivo, il termine Web3 compare spesso nelle discussioni sul Metaverso. Web3 ha a che fare con la suddetta preoccupazione per la centralizzazione. È un termine generico per le tecnologie che possono rendere gli utenti i proprietari dei loro dati. Anche gli standard aperti possono svolgere un ruolo in questo. Ad esempio, l'e-mail è costruita su uno standard aperto (SMTP), su cui chiunque può costruire e che impedisce un monopolio.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 80 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb