Scritto da Erik Weijers 2 mesi fa

Central Bank Digital Currencies: dovremmo preoccuparci?

Quando Facebook ha proposto di lanciare la propria stablecoin Libra nel 2019, sono scattati campanelli d'allarme nei governi occidentali. Se un colosso come Facebook inizia a emettere i propri soldi, perderemo il nostro monopolio. Quindi dobbiamo lavorare sodo per noi stessi. Entrare nelle Central Bank Digital Currencies (CBDC). Qual è la situazione attuale e quale sarà l'impatto di questa nuova forma di denaro? E cosa significa questo sviluppo per le criptovalute?

Si può pensare alle CBDC come un modo per i governi di prendere il potere sul sistema finanziario. Nel sistema tradizionale, la creazione di denaro è in gran parte esternalizzata a istituzioni commerciali chiamate banche. Un primo segnale che questo sistema stava diventando obsoleto è arrivato nel 2014. È stato allora che la società Tether ha utilizzato la tecnologia blockchain per emettere uno stablecoin: USD Tether (USDT). Improvvisamente, le banche e i governi hanno avuto un concorrente. Da allora, il mercato delle stablecoin è cresciuto fino a poco meno di duecento miliardi di dollari.

Dal lancio delle stablecoin, le banche hanno digrignato i denti per il fatto che le persone possono fare molto di più con le stablecoin che con il sistema bancario tradizionale. Ad esempio, con le stablecoin puoi trasferire denaro a tua zia in Australia in pochi minuti e senza limiti, nel fine settimana. Senza bisogno del permesso di nessuno (fiat) per farlo. Provalo nel sistema bancario tradizionale. Come bonus, è fantastico parcheggiare le tue "stalle" su un conto di interesse di criptovalute e ottenere un bel tasso di interesse su di esse.

Le possibilità

In breve: le banche centrali dovevano mettersi al lavoro, come si erano rese conto fin troppo bene. E se avessimo il potere e la tecnologia per emettere i nostri soldi noi stessi, direttamente ai cittadini? Quindi senza la mediazione delle banche, in un'app? Wow, che possibilità senza precedenti!

Central Bank Money, insomma, è una nuova manifestazione tecnologica dei soldi fiat (dollari ed euro). È denaro digitale. Ma proprio perché è digitale, ci sono grandi differenze rispetto al contante in termini di privacy e controllo. Prima di addentrarci nelle conseguenze più minacciose possibili, prendiamoci un momento per esaminare i potenziali benefici di questa tecnologia.

  • I paesi potrebbero alla fine sbarazzarsi di SWIFT, l'ingombrante sistema che consente pagamenti tra paesi.
  • Le persone che non hanno accesso a un conto bancario, ad esempio nei paesi meno sviluppati, possono accedere al mondo dei pagamenti online.
  • Il governo può facilmente e direttamente erogare denaro alla gente - pensate ai controlli di stimolo in tempo di incoronazione.

In breve, a condizione che il governo usi bene il potere supplementare sull'emissione di denaro, la gente di un paese può trarne beneficio. Ma dovremmo anche parlare degli aspetti negativi.

Gli aspetti meno piacevoli

La parola dice tutto: questo è denaro controllato centralmente. Man mano che l'emissione di moneta diventa centralizzata e scollegata dalle istituzioni commerciali, una serie di ostacoli scomodi possono scomparire. E forse anche i servizi finanziari diventeranno più economici. Ma ci sono anche motivi per preoccuparsi.

  • Le CBDC portano alla perdita di privacy perché le transazioni possono essere facilmente monitorate dal governo.
  • Se vuoi spendere soldi per cose che al governo non piacciono, le transazioni possono fondamentalmente essere bloccate.
  • Un divieto sul contante combinato con le CBDC rende possibile un forte tasso di interesse negativo.
  • Il denaro può essere destinato e consentito solo per alcune spese ('Pagamento al distributore di benzina negato. La tua impronta di CO2 ha raggiunto il suo massimo questo mese').
  • Al denaro può essere assegnata una data di scadenza: spendilo prima di una certa data o altrimenti...
  • Il denaro può essere sottratto premendo un pulsante se un cittadino non rispetta determinate regole.

A seconda di quanto sia libero un governo, queste misure possono essere implementate o meno. Ma in ogni caso, la possibilità ci sarà. Improvvisamente è estremamente allettante - perché estremamente facile - per una banca centrale bloccare il conto di qualcuno se quella persona partecipa, per esempio, a una certa dimostrazione.

A che punto sono i vari paesi?

Secondo l’ Atlantic Council, al momento di questa stesura (marzo 2022) 87 paesi stanno studiando l'introduzione della propria valuta digitale. Nella primavera del 2020 erano 35. I più avanzati sono Brasile, Cina, Ucraina, Thailandia e Svezia.

Cina: il renminbi digitale

La Cina è stato il primo grande paese a emettere una valuta digitale: il RMB digitale. Un progetto pilota è iniziato nel 2020 in alcune città. Nell'aprile 2021, l'area di test è stata ampliata per includere Shanghai. Alla fine del 2021, erano oltre 260 milioni gli utenti che partecipavano a questa fase di test.

L'euro digitale

La Banca centrale europea è in ritardo. Ci vorrà almeno fino all'estate del 2023 prima che la BCE annunci i risultati dei test sull'euro digitale. A quel punto seguirà una decisione e, se tale decisione risulterà positiva, ci vorrà un po' di tempo prima che la legislazione necessaria venga attuata.

America: Fedcoin

Tra tutti i principali paesi che pensano a una valuta digitale, gli Stati Uniti sono i più lontani. Nel gennaio 2022, la Federal Reserve ha pubblicato un rapporto in cui ha annunciato che stava raccogliendo input e conducendo ricerche sui costi e sui benefici del cosiddetto "Fedcoin".

Il gioco di potere con banche e criptovalute

Sebbene molti sostenitori delle criptovalute siano spaventati dall'arrivo delle CBDC, sono principalmente un pericolo per le nostre banche attuali. In caso di un'altra crisi bancaria, le banche potrebbero essere solo quelle a soffrire. Invece di fornire denaro alle banche, una Banca Centrale potrebbe lasciare che le banche falliscano questa volta. I titolari del conto saranno quindi informati dalla Banca Centrale: scarica la nostra app e riavrai il tuo vecchio saldo come CBDC. Molte persone saranno quindi costrette a firmare ai puntini.

Forse non ci sarà una crisi bancaria nel prossimo futuro. Ma anche se la transizione è graduale e "pacifica", il ruolo delle banche come creatori di denaro sarà ridotto. Naturalmente, le banche non si lasceranno mettere da parte. Vorranno almeno attirare la parte del mercato delle stablecoin aziendali. Possono anche ancora contribuire all'emissione di CBDC. Almeno questa è l'intenzione della Banca centrale europea. È ipotizzabile che i cittadini dell'UE avranno presto un conto della BCE che potranno gestire presso la loro banca ordinaria. Le banche hanno la manodopera e le server farm pronte per questo.

Perché i proprietari di criptovalute non devono preoccuparsi? Perché il contrasto tra ciò che fa Bitcoin in particolare e ciò che fanno le banche centrali non potrebbe essere maggiore. È vero che le banche prendono in prestito la tecnologia dalle criptovalute, ma ciò non significa che le proprietà fondamentali possano essere copiate. Con Bitcoin, questi sono: un programma di emissione prevedibile e quindi un numero massimo di Bitcoin da estrarre. Mentre una CBDC, come il nostro attuale denaro fiat, può essere ristampata all'infinito. In secondo luogo, ovviamente, è il fatto che Bitcoin e altre criptovalute non chiedono il permesso: non hai bisogno del permesso di nessuno per trasferire denaro. Si tratta di un sistema inclusivo piuttosto che (potenzialmente) repressivo. Proprio perché le criptovalute esistono, abbiamo una zattera di salvataggio se abbiamo l'idea che i governi stiano andando troppo lontano nella repressione finanziaria. L'ironia è che la criptovaluta diventa così, in un certo senso, il cane da guardia finanziario dei poteri dominanti.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 70 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb