lb

Scritto da Erik Weijers 9 mesi fa

Come i minatori di Bitcoin sovvenzionano i progetti di energia verde

Tra le persone attente all’ambiente, Bitcoin ha una reputazione piuttosto scarsa. Comprensibile, perché sicuramente l’alto consumo energetico della rete è un problema se vogliamo ridurre le emissioni di CO2? Questa storia è un po’ più sfumata di quanto si possa pensare: la rete bitcoin sta diventando sempre più un “raccoglitore di rifiuti del mercato dell'energia”. In effetti, Bitcoin sta già fungendo da meccanismo di sovvenzione per progetti di energia verde.

Famigerate quest’anno sono le invettive della senatrice statunitense Elizabeth Warren, che ci avverte: “[dobbiamo] reprimere le pratiche di mining di criptovalute dannose per l’ambiente”. Notevole, un tale veleno. Soprattutto se si considera che il mining di Bitcoin rappresenta solo circa un decimo dell’uno percento del consumo energetico globale totale. È paragonabile al consumo energetico di tutte le navi da crociera nel mondo, un settore che tuttavia contribuisce meno agli S e G dei criteri ESG (Energy, Social & Governance) che le aziende devono soddisfare sempre di più. O ci stiamo perdendo qualcosa, e le piscine galleggianti dell'oceano stanno aiutando oltre cento milioni di persone a diventare indipendenti dalle banche centrali?

Per cominciare, ci sono buone notizie per i critici di Bitcoin: il consumo di energia di Bitcoin come percentuale del valore totale della rete sta diminuendo nel corso degli anni. Quindi la rete sta diventando più efficiente dal punto di vista energetico . Nel 2013, il 14% del valore di mercato totale è stato ancora speso per le bollette energetiche e hardware dei minatori. Oggi è intorno al 2%. Supponiamo che Bitcoin diventi un successo clamoroso nei prossimi decenni. Quindi si stima che il consumo di energia aumenterà di altre quattro o cinque volte. Se Bitcoin dovesse continuare a cavarsela senza una crescita significativa degli utenti, il consumo di energia diminuirà: questo è dovuto al dimezzamento del sussidio dei block ogni quattro anni. In ogni caso, il consumo di energia non salirà alle stelle in nessun scenario. Su scala globale, rimane un errore di arrotondamento in termini di consumo di energia.

Macchine che trasformano l’energia in denaro

I minatori di bitcoin sono fondamentalmente macchine che trasformano l’energia in denaro. Poiché c’è un’enorme concorrenza nel mercato minerario globale, perlustrano la terra alla ricerca delle forme di energia più economiche. Gestire una miniera è redditizio solo quando il prezzo dell’elettricità è molto al di sotto di quello che pagano i consumatori: pensate a quattro o cinque centesimi per kWh.

Ciò significa, in primo luogo, che non dobbiamo preoccuparci che i minatori ci rubino l’elettricità per casi d’uso vitali come le nostre cene a microonde. E in secondo luogo, significa che i minatori sono i raccoglitori di rifiuti del mercato dell’energia: solo se l’energia è un prodotto residuo il prezzo è abbastanza basso da essere attraente. E qui, anche gli avversari più accaniti devono ammettere che Bitcoin in alcuni casi consente addirittura una riduzione delle emissioni di CO2. Un esempio sono i giacimenti petroliferi del Texas su cui le miniere di Bitcoin funzionano a gas naturale. Il gas naturale è un sottoprodotto di questi giacimenti petroliferi che verrebbe semplicemente scaricato nell’aria se le miniere non ci fossero (sebbene le miniere emettano ancora CO2, questo è un gas serra minore rispetto al gas naturale).

Un ‘sussidio’ per i progetti verdi

Ok, quindi Bitcoin sta già ripulendo i gas serra che sgorgano dai giacimenti petroliferi qua e là. Ma vogliamo comunque sbarazzarci di quell’industria. E l’energia verde? Il segno distintivo di ciò è che l’offerta non è costante. Il sole a volte splende ea volte no, e anche il vento non è affidabile. Per rendere praticabile l’energia verde bisogna quindi installare una notevole sovraccapacità, parte della quale non è verde: si pensi alle centrali a gas e alle centrali nucleari. Questo è l’unico modo per garantire la disponibilità di energia sempre sufficiente, anche nei momenti di minore produzione verde. Questa sovraccapacità rende l’investimento nell’energia verde inefficiente e quindi poco attraente per gli investitori... se non fosse per il fatto che ora abbiamo minatori. Questi acquistano l’energia in eccesso e quindi sovvenzionano progetti verdi. Un altro esempio è l’integrazione di minatori di bitcoin nella serra .

Un vantaggio correlato dell’integrazione dei minatori bitcoin nella rete elettrica è che diventa più stabile. I minatori possono accendersi e spegnersi a seconda delle circostanze. Ad esempio, c’è un’elevata domanda di elettricità a causa di condizioni meteorologiche speciali? Quindi i minatori forniscono la loro elettricità alla rete invece di usarla loro stessi. Altre volte, come descritto sopra, acquistano capacità in eccesso.

Ma i minatori non devono funzionare continuamente per essere redditizi? Dipende. La vecchia generazione di minatori ASICS, già ammortizzata, può ancora essere redditizia anche a intervalli, purché i costi energetici nel sito siano sufficientemente bassi.

Conclusione: verso il riciclo energetico

Tutti questi esempi non tolgono il fatto che, mentre parliamo, ci sono ancora miniere di Bitcoin in esecuzione su centrali elettriche a carbone. Ma un numero crescente delle dinamiche di cui sopra mostra che il mining di Bitcoin si sta sempre più orientando verso una forma di riciclaggio dell’energia piuttosto che il consumo di energia. Elizabeth Warren ha già ricevuto il promemoria?

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 80 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb