lb

un anno fa

Dal punto A al punto B: spiegazione delle transazioni Bitcoin

Il Bitcoin è considerata la criptovaluta più sicura al mondo. In quasi 12 anni della sua esistenza nessuno è riuscito ad attaccare con successo la rete e ad interrompere o manipolare anche una singola transazione. Pertanto, la fiducia è estremamente alta, il che è anche molto importante, perché in una rete decentralizzata non esiste un’istituzione centrale che potrebbe essere ritenuta responsabile di errori.

Chi ha già provato il Bitcoin e fatto le sue prime piccole transazioni ha già notato che la criptovaluta può essere inviata molto rapidamente, in modo estremamente conveniente e molto semplice. Molti utenti non sanno nemmeno come funziona effettivamente una transazione e cosa rappresentano le transazioni Bitcoin nel registro decentralizzato dei Bitcoin.

In questo articolo vogliamo andare in fondo alla questione e discutere come funzionano le transazioni nella rete Bitcoin e quale significato hanno.

Il Bitcoin Blockchain come registro distribuito

Molti principianti sono soggetti all’incomprensione che inviano e ricevono Bitcoin. Questo è ovviamente il caso, ma nessuno ha effettivamente il suo Bitcoin nel portafoglio. Invece, ogni portafoglio è collegato a una copia della blockchain di Bitcoin. Questa blockchain è un database speciale le cui proprietà garantiscono che non possa essere manipolato da nessuno.

Il Bitcoin non viene quindi inviato come bene fisico o digitale, ma vengono modificate le voci nella blockchain che determinano chi possiede quale somma. Gli indirizzi di invio e ricezione sono noti come chiavi pubbliche. Ad ogni chiave pubblica appartiene una chiave privata, che permette di controllarne la controparte. Quindi, se trasferisci Bitcoin, sostanzialmente modifichi una voce nel database e, per poterlo fare, hai bisogno di una chiave crittografica per firmare la transazione e realizzarla.

In questo senso, non ci sono affatto Bitcoin, solo voci corrispondenti. La particolarità è che queste voci non vengono memorizzate negli indirizzi Bitcoin. Se si vuole sapere quanti Bitcoin sono stati trasferiti a un indirizzo, il saldo del conto di un indirizzo risulta dai trasferimenti effettuati sulla blockchain.

Quali sono i componenti di una transazione Bitcoin?

Tale trasferimento sulla blockchain è costituito da tre componenti principali. Innanzitutto, la transazione inizia con l’input. È questa somma che deve essere trasferita e che è definita da chi l’ha trasferita a un certo indirizzo o l’ha ricevuta in uscita prima.

Il secondo aspetto è la quantità, perché anche se un indirizzo ha ricevuto 1 BTC prima, può emetterne solo una frazione. Pertanto, la quantità è chiaramente limitata al saldo totale, ma può essere ridotta a frazioni di un Bitcoin.

Il terzo e ultimo passaggio è il cosiddetto output. Questo è semplicemente l’indirizzo del destinatario, al quale verrà accreditata una certa quantità di un input precedente.

UTXO come concetto speciale

In linea di principio, il Bitcoin che ricevi e immagazzini è l’output di una transazione precedente che non hai ancora speso. Questo concetto è chiamato UTXO o “Unspent Transaction Output”. Si differenzia essenzialmente dalle altre valute cripto o dalle classiche transazioni con le banche perché queste si basano sul saldo di un conto.

Raccogli nel tuo portafoglio tutti gli output delle transazioni che non hai ancora speso. Il software del portafoglio somma gli importi e fornisce un saldo del conto in BTC. Questo viene fatto semplicemente perché gli utenti ottengono una panoramica migliore e l’idea di avere un account è semplicemente più intuitiva.

Supponendo che un portafoglio abbia complessivamente 3 Bitcoin, che provengono da 8 diversi output, e si desidera inviare 2 BTC in una nuova transazione, il Portafoglio alimenta automaticamente la nuova transazione in background dalle 8 transazioni ricevute e / o output e moduli in tal modo l’input per la nuova transazione.

Questo è un sistema molto complesso e scala relativamente poco. Perché Satoshi Nakamoto abbia deciso di utilizzare questo sistema in quel momento non può essere chiaramente dimostrato.

Commissioni di transazione nella rete Bitcoin

Naturalmente, ci sono anche commissioni di transazione, che possono essere impostate a diversi livelli. In linea di principio si paga un prezzo per il fatto che i minatori hanno un incentivo a confermare la transazione più velocemente di quella di chiunque altro nella rete. Una volta che i miner hanno confermato la transazione, le voci corrispondenti sulla blockchain vengono modificate in modo vincolante e irrevocabile.

Ciò significa che gli utenti della rete sono in competizione per l’attenzione dei minatori. Le transazioni che pagano una commissione elevata sono preferite rispetto a quelle con commissioni inferiori. Ma non ha senso pagare troppo.

In base alle offerte effettive per le commissioni di transazione, invece, risulta un valore di soglia che deve essere superato per raggiungere una certa velocità. Per spiegarlo in un esempio: supponi di voler guidare da una parte all’altra della città e confrontare due mezzi di trasporto con velocità diverse. C’è l’autobus, è lento perché va in molte stazioni e costa 3 € per il viaggio. In alternativa puoi scegliere il taxi, che arriva direttamente a destinazione ed è quindi molto più veloce. Ma il taxi costa 15 €. Potresti offrire al tassista 30 € e lui accetterà con gratitudine l’importo, ma non ci arriverai più velocemente. Lo stesso vale per l’autobus. Mentre con taxi e autobus i prezzi sono trasparenti, le commissioni di transazione devono essere determinate con Bitcoin.

Molti Portafogli determinano automaticamente il valore di soglia necessario e forniscono all’utente non solo il prezzo per la transazione ma anche un tempo stimato di conferma per la transazione. In questo modo si offre - per restare nell’esempio - sempre la somma adeguata al proprio tassista, in modo da ottenere la massima velocità al minor prezzo.

In alternativa, puoi impostare tu stesso l’importo della commissione e cercare quale sia la tariffa migliore per te. La maggior parte delle volte, tuttavia, non è possibile ottenere un rapporto migliore se non si seguono i consigli del software.

Cosa fare con il tuo cambiamento?

Il modello UTXO, che ora abbiamo avuto modo di conoscere, ha un’altra particolarità. Per formare l’input di una transazione, l’importo disponibile deve essere completamente consumato. Quindi, se hai ricevuto 2 BTC a un indirizzo e ora desideri inviare solo 1,5 BTC, sono necessari 0,5 BTC di modifica.

Questa modifica viene inviata automaticamente a un nuovo indirizzo, sul quale il mittente ha il controllo. Il portafoglio mantiene automaticamente una registrazione di questi indirizzi modificati in background. Gli utenti non si accorgono nemmeno di avere questi indirizzi di modifica.

Tuttavia, è importante sapere che questi indirizzi vengono creati. Questo perché questa circostanza gioca un ruolo soprattutto nell’auto-custodia di Bitcoin. Se salvi singole chiavi private, puoi commettere errori irreversibili durante il ripristino di singoli indirizzi. Pertanto, invece di salvare le singole chiavi private, dovresti sempre salvare il file del portafoglio o il cosiddetto seed. Questo ripristina tutte le chiavi, anche quelle di cambio indirizzo.

SUGGERIMENTO: in alternativa, puoi anche utilizzare direttamente il Portafoglio LiteBit. In questo modo il tuo BTC ottiene una protezione professionale e non devi più preoccuparti di nulla.

Quanto tempo richiede una transazione Bitcoin?

Se vuoi valutare la velocità di una transazione Bitcoin, devi distinguere tra due cose. In linea di principio, la transazione è immediatamente visibile sulla rete. Si trova nel mempool subito dopo l’invio e attende la conferma. In questo senso, le transazioni Bitcoin sono immediatamente valide.

Il problema è che si può essere sicuri della validità solo dopo aver ricevuto almeno una conferma dalla rete. Una transazione è considerata assolutamente sicura se ha 6 conferme.

Per ricevere una conferma, è necessario aggiungere un nuovo blocco alla blockchain. La creazione di un nuovo blocco richiede circa 10 minuti, ma può anche variare minimamente. Pertanto, sono necessari almeno questi 10 minuti per confermare la transazione. Pertanto, le transazioni sono immediate, ma possono essere utilizzate dal destinatario solo dopo 10 minuti al più presto.

Se il destinatario attribuisce particolare importanza alla sicurezza, sarà richiesta più di una conferma da parte della rete fino a quando non riterrà valida la transazione. Questo è particolarmente spesso il caso quando si utilizza Bitcoin per il pagamento perché i commercianti vogliono essere assolutamente certi.

Come posso verificare le transazioni?

Una transazione Bitcoin può essere controllata come mittente o destinatario direttamente nel tuo portafoglio. Se si vogliono controllare le transazioni di altri partecipanti, il mezzo più semplice è un cosiddetto block explorer.

Si tratta spesso di pagine web che consentono di controllare le transazioni dagli indirizzi Bitcoin o dal cosiddetto TXID tramite un semplice campo di input. Il TXID è un identificatore univoco assegnato a ciascuna transazione e ne rivela i dettagli. In questo modo, ogni transazione Bitcoin può essere controllata in qualsiasi momento.

Questa trasparenza è una caratteristica di Bitcoin. Consente ai partecipanti di controllare tutti i fatti relativi alle transazioni effettuate nella rete. Questo ha lo scopo di garantire che tutti i partecipanti possano fare affidamento sul protocollo di rete perché non possono fare affidamento solo sui nodi e sui minatori, ma in caso di dubbio tutto è e rimane verificabile. Questa trasparenza, tuttavia, solleva ancora una volta preoccupazioni sulla privacy, perché i partecipanti non sono anonimi e la blockchain è pubblica.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 60 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb