lb

un anno fa

Cosa sono le Altcoin

C’è Bitcoin e poi ci sono Altcoin. Sembra molto semplice, mentre in realtà non lo è. In questo articolo andremo a scavare un po‘ più a fondo quando si tratta di criptovalute e perché sono chiamate Altcoin e cosa le definisce.

La primissima criptovaluta è stata Bitcoin e la sua blockchain è stata avviata nel gennaio 2009. Ha introdotto l’idea di un sistema di contanti elettronico che funziona a livello globale, è decentralizzato e senza autorizzazione. Bitcoin è stato costruito con una certa visione e specifiche tecniche in mente per consentire alla rete di diventare la valuta più forte e resistente che il mondo abbia mai visto. Sebbene molti sviluppatori condividessero questa visione, avevano un concetto diverso di come dovrebbe essere l’architettura di una criptovaluta. Ed è qui che inizia il nostro viaggio.

Litecoin è stato il primo Altcoin

Bitcoin ha molto spazio per gli sviluppatori per contribuire al progetto. Tuttavia, i fondamenti di BTC non sono negoziabili. Questo non è un aspetto negativo, ma una caratteristica. Essere resilienti fa parte dell’identità di Bitcoin e questa resilienza è preservata dal fatto che alcune caratteristiche sono scolpite nella pietra. Ma cosa succede se hai un’idea diversa che è anche fattibile, ma non compatibile con le funzionalità elementari di Bitcoin?

La prima criptovaluta che ha avuto un approccio diverso è stata Litecoin. L’idea era di accelerare i tempi di transazione, aumentare l’offerta totale utilizzando un algoritmo di mining diverso. Con un tempo di blocco medio di 2,5 minuti le transazioni con Litecoin sono infatti più veloci delle transazioni on-chain con Bitcoin e questa era la sua caratteristica più importante quando è stato creato nell’ottobre 2011. È stato creato come alternativa a Bitcoin, da cui il nome Altcoin.

Litecoin è stata una delle Altcoin di maggior successo a seguire BTC, ma dopo che un mercato per le criptovalute si era risvegliato, sono state sviluppate sempre più Altcoin. Ognuno con un caso d’uso specifico in mente. Agli albori della criptovaluta la maggior parte di queste Altcoin si concentrava sull’essere più veloci o più sicuri di Bitcoin, il che già mostrava che BTC non era solo la prima criptovaluta, ma anche l’unica criptovaluta che veniva misurata rispetto a tutto ciò che veniva dopo la sua invenzione.

Mentre molte delle prime Altcoin sono già scomparse, Litecoin è uno dei rari casi che potrebbe mantenere la sua posizione nella top 10 di tutte le criptovalute.

Qual è la definizione di Altcoin?

Poiché una Altcoin è un’alternativa a Bitcoin condivide anche alcune delle caratteristiche di base di Bitcoin e questo è necessario in una certa misura per guadagnare questo nome. Una Altcoin ha la sua blockchain e utilizza un meccanismo di consenso. Il consenso non è necessariamente raggiunto in cima alle stesse ipotesi di Bitcoin. Alcune Altcoin si basano sulla prova del lavoro, mentre altre utilizzano la prova della posta. Esistono anche molti algoritmi diversi che mirano a ottenere una maggiore resilienza ai minatori ASIC o tempi di transazione più rapidi solo per citare due esempi tra le molte possibilità.

Alcune Altcoin come Dash utilizzano persino nodi incentivati per svolgere determinate attività nella rete. Questi masternode sono anche un concetto completamente estraneo a Bitcoin e una caratteristica esclusiva di molte Altcoin che hanno adottato questa idea.

Molte persone confondono le Altcoin con i token, ma come abbiamo mostrato in questo paragrafo c’è un enorme differenza tra i due. Un token non esiste sulla propria blockchain ed

è quindi sempre dipendente da un’altra piattaforma. Molti token sono costruiti sulla blockchain di Ethereum e utilizzano lo standard ERC-20 che è diventato uno standard del settore negli ultimi due anni.

Le Altcoin offrono più casi d’uso

Bitcoin non è limitato a un determinato caso d’uso, ma poiché la sua base non è pensata per essere flessibile per motivi di sicurezza, alcuni casi d’uso non sono possibili. Mentre le tecnologie di secondo livello come Lightning Network e sidechain possono sbloccare più possibilità, alcuni sviluppatori hanno pensato che alcuni casi d’uso dovrebbero essere disponibili on-chain.

Una delle Altcoin di maggior successo che lo fa è Ethereum. La sua blockchain è intrinsecamente diversa e offre un linguaggio di scripting completo che offre molte più opzioni rispetto al linguaggio di script minimalista supportato da Bitcoin. Questo linguaggio di script, tra le altre cose come la macchina virtuale Ethereum, consente ancora più casi d’uso.

Il caso d’uso che è stato ampiamente adottato è lo smart contract e il fatto che Ethereum lo abbia portato a vivere è il motivo per cui è diventata la seconda criptovaluta di maggior successo dopo Bitcoin in termini di capitalizzazione di mercato e adozione.

Perché il numero di Altcoin è in continua crescita?

Ci sono oltre 8500 Altcoin sul mercato e quel numero è una stima approssimativa. La maggior parte delle criptovalute sono open source e quindi tutti possono copiare, clonare o estendere una Altcoin già esistente. In molti casi gli sviluppatori stanno semplicemente cercando di portare le proprie idee in vita e di costruire qualcosa che cambierà il mondo in meglio.

Un altro forte incentivo è guadagnare denaro. Molte criptovalute sono open source, ma lo sviluppo principale avviene attraverso il lavoro di un’azienda. Un esempio è Zcash, sviluppato dalla Electric Coin Company. In cambio gli sviluppatori di Zcash hanno ricevuto una commissione che è stata detratta dalla ricompensa del blocco. Ma avere un flusso costante di entrate creato dallo sviluppo di una criptovaluta non è l’unico incentivo.

Un pre-mine è anche molto comune con le Altcoin, il che significa che gli sviluppatori detengono una partecipazione nella criptovaluta prima di avviarla. Questo pre-mine viene utilizzato per spese come il marketing ed è anche parte della ricompensa della squadra. Se dovessero avere successo e le loro Altcoin diventassero ampiamente adottate, allora avrebbero una fortuna.

Le Altcoin sono un buon investimento?

Dato che ci sono così tante Altcoin, alcune non hanno resistito alla prova del tempo. Le loro blockchain potrebbero ancora esistere, ma nessuno sta sviluppando nulla e, in molti casi, anche gli exchange hanno abbandonato il supporto e non elencano più quelle Altcoin morte. Questo è accaduto in passato e sicuramente accadrà in futuro.

Molti investitori si chiedono come assicurarsi di essere dalla parte giusta della storia e prevenire decisioni che vadano orribilmente sbagliate. Non esiste un consiglio di base che prevenga la perdita. Tuttavia, è importante esaminare da vicino il quadro più ampio delle cose. Chi sta sviluppando le Altcoin? Quali sono gli obiettivi che questa tecnologia sta cercando di raggiungere?

La maggior parte dei progetti più grandi che sono già maturati, non solo come rete, ma anche come idea che può almeno mostrare un utilizzo nel mondo reale sono elencati su LiteBit. Ancora una volta, questa non è una garanzia per il loro successo, ma è una dichiarazione sul nostro pieno impegno a elencare Altcoin di qualità sulla nostra piattaforma di trading. Solo il tempo può dire se queste Altcoin avranno successo o diventeranno obsolete in futuro ad un certo punto. A parte l’idea di investire e realizzare un profitto aspettando che una Altcoin raggiunga i suoi obiettivi a lungo termine, è anche possibile e redditizio scambiarle con guadagni a breve termine.

Altcoins contro Stablecoins

In uno dei paragrafi precedenti, abbiamo fornito una definizione di cosa sia effettivamente una Altcoin e abbiamo già sottolineato la differenza tra Altcoin e token. Un’altra categoria di monete sono le cosiddette stablecoin. Perché il termine stablcoin suggerisce che queste monete hanno le stesse caratteristiche delle Altcoin, non è proprio così. Gli Stablecoin sono spesso token emessi su un’altra blockchain. L’idea di base è che una stablecoin rappresenta il valore di un asset sottostante. La stablecoin decentralizzata DAI rappresenta il valore di 1 dollaro USA. Da qui il nome stablecoin, perché non c’è volatilità o almeno solo uno spread minimo.

Mentre le stablecoin in teoria potrebbero essere coniate sulle proprie blockchain, ha invece un paio di vantaggi progettarle come token. Il primo è l’interoperabilità. È in corso uno sforzo per rendere compatibili tra loro diversi blockchain in modo che possano scambiare dati e risorse. Un token può viaggiare da un protocollo all’altro. Anche se le blockchain coinvolte non sono interoperabili, potrebbe comunque essere possibile eseguire lo smart contract su piattaforme diverse. Molte stablecoin sono indipendenti dalla catena. Non vogliono correre su una catena specifica, ma su quante più catene possibile per renderle più disponibili, accessibili e più facili da usare.

Il che ci porta al punto successivo. Molte Altcoin sono state create con una certa offerta massima in mente. Ma le stablecoin possono essere coniate ipoteticamente con un’offerta illimitata. Tutto ciò che deve essere rassicurato è che per ogni stablecoin coniata il valore equivalente è detenuto da una società o bloccato da un DAO. Un altro aspetto è che le stablecoin vengono bruciate di tanto in tanto. Se un utente decide di detenere l’asset sottostante invece dello stablecoin, l’importo equivalente deve essere distrutto.

Non è del tutto impossibile pensare a un processo di menta e masterizzazione per una Altcoin che crea un ambiente per una stablecoin. Ma è ancora più facile gestire entrambi i processi con uno smart contract.

Fai trading quando e dove vuoi

Aumenta l’impatto del tuo trading e i tempi di reazione in più di 60 criptovalute tramite l’accesso istantaneo al tuo wallet con l’app LiteBit.

lb